Xiaomi INARRESTABILE: guida le vendite in molti Paesi – Telefonino.net

Per circa due anni, la posizione di vertice nel mercato indiano degli smartphone è stata di una singola azienda. In effetti, non c’è stata alcuna reale minaccia da parte di un’altra realtà di prendere il primo posto da Xiaomi. L’ultimo rapporto di Canalys mostra le spedizioni di smartphone nel mercato indiano per il primo trimestre del 2021. Secondo l’indiscrezione, tale mercato locale registra un tasso di crescita dell’11% e sale a 37,1 milioni di unità.

Xiaomi è la regina del mercato indiano

Dal rapporto si evince che Xiaomi continua a mantenere la sua posizione di leader nel settore della telefonia mobile. Nel primo trimestre del 2021, l’OEM cinese ha spedito 10,5 milioni di unità che rappresentano una quota di mercato del 28%. Samsung è arrivata seconda con spedizioni di 7 milioni di unità, ma la sua quota di mercato è scesa dal 21% nel trimestre precedente al 19%.

Inoltre, Vivo è al terzo posto con 6,7 milioni di unità di spedizione e una quota di mercato del 18%. OPPO è al quarto posto con 4,7 milioni di unità di spedizione e una quota di mercato del 13% mentre Realme è al quinto posto con spedizioni di 4,3 milioni di unità e una quota di mercato del 12%.

Canalys prevede che la seconda ondata della pandemia di coronavirus interesserà il mercato indiano degli smartphone. Secondo il suo rapporto, le vendite di smartphone nel secondo trimestre del 2021 in India diminuiranno drasticamente.

Il mercato indiano degli smartphone è un mercato molto particolare che si concentra maggiormente sui dispositivi economici e dotati di modem LTE. Questo mercato non è un luogo in cui prosperano ammiraglie o dispositivi costosi; è anche il motivo per cui non vediamo brand blasonati come Apple o OnePlus nell’elenco.

All’inizio di questo mese, ci sono state segnalazioni secondo cui l’India prevede di fornire più di 1 miliardo di dollari in sussidi in contanti a ciascuna società di semiconduttori che istituisce un dipartimento di produzione nel paese. Il governo sta compiendo sforzi per rafforzare la catena di approvvigionamento elettronica del paese.

Il piano “Made in India” del Primo Ministro indiano ha aiutato la nazione a diventare il secondo produttore mondiale di telefoni cellulari dopo la Cina. L’India ritiene che sia giunto il momento di attirare le aziende di semiconduttori per espandere la produzione a livello locale.

Un alto funzionario ha dichiarato: “Il governo fornirà più di 1 miliardo di dollari in sussidi in contanti a ogni azienda di semiconduttori che istituirà un reparto di produzione. Assicuriamo loro che lo Stato diventerà un acquirente e, nel mercato privato, le aziende saranno anche incoraggiate ad acquistare chip di produzione locale “.

Notizie correlate

Fonte:ITHome

Xiaomi Smartphone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *