Xiaomi Mi 11 Lite 5G: ok, il prezzo è giusto – Libero Tecnologia

Primi leak sul prezzo di Xiaomi Mi 11 Lite 5G, il nuovo medio gamma della cinese Xiaomi che sta per arrivare anche in Europa. Secondo Dealntech, che riporta il listino di un non meglio precisato distributore europeo, il nuovo dispositivo costerà 408,18 euro. Si tratta di un prezzo leggermente superiore ai 349 euro del predecessore Mi 10 Lite 5G.

Ma, se fosse confermato (e se fosse confermata anche la scheda tecnica definitiva del Mi 11 Lite 5G), si tratterebbe un un buon prezzo, in linea con i concorrenti e con la fascia di mercato visto e considerato che il prezzo si riferisce alla versione con 6 GB di RAM e 128 GB di spazio di archiviazione. Questo prezzo, e questa fascia di mercato, vanno guardati con molta attenzione quest’anno perché è proprio la fascia dei 400 euro quella che probabilmente crescerà più di tutte rispetto agli anni scorsi. I top di gamma, infatti, hanno nel 2021 un grosso problema: costano troppo, anche a causa dell’ormai conclamata “crisi dei chip” che sta causando una grave penuria di CPU, GPU e SoC per smartphone di fascia alta, spingendone i prezzi alle stelle. Il 2021, quindi, non sarà l’anno buono per comprare un top di gamma: meglio spendere i propri soldi su uno smartphone medio ma buono, come dovrebbe essere lo Xiaomi Mi 11 Lite 5G

Xiaomi Mi 11 Lite 5G: come sarà fatto

La domanda da farsi, a questo punto, è che cosa ci porteremo a casa con i 408 euro necessari a comprare Xiaomi Mi 11 Lite 5G? La scheda tecnica non è ancora ufficiale, ma tutti i leak più recenti portano ad un SoC Qualcomm Snapdragon 775G (precedentemente si era parlato di SD 765G, un processore dell’anno scorso), uno schermo AMOLED da 90 Hz, batteria da 4250 mAh con ricarica veloce a 33W, tripla fotocamera con sensore principale da 64 MP.

La configurazione di memoria, come già accennato, è la 6/128 GB ma spendendo di più si potrà avere più memoria, anche se non è detto che sia la scelta ottimale per tutti.

Lo Snapdragon 775G è un SoC che non è ancora uscito ufficialmente sul mercato, si suppone che proprio lo Xiaomi Mi 11 Lite 5G sarà il primo a usarlo. Sarà un processore meno potente dello Snapdragon 888 riservato ai top di gamma premium, ma comunque realizzato con processo produttivo a 5 nm. E ciò permetterà a questo processore di consumare assai meno energia.

Smartphone 2021: la fascia media

La fascia media del mercato smartphone è quella dove, quest’anno, ne vedremo delle belle. Già nel 2020 Qualcomm aveva dato una scossa a questo segmento introducendo il SoC Snapdragon 765G, dalle prestazioni più che sufficienti per la gran parte dei compiti (anche il gaming, se si accettano alcuni compromessi).

Il successore 775G è destinato, almeno sulla carta, a replicare il successo del 765G e a sbaragliare la concorrenza, che sarà costituita soprattutto dal Mediatek Dimensity 1000. Quest’ultimo è oggi leggermente più potente dello Snapdragon 765G, ma è probabile che lo sarà leggermente meno rispetto al 775G.

Scendendo nella fascia medio-bassa del mercato, invece, probabilmente troveremo ancora il 765G a battersela con i Mediatek 700 e 800 (quest’ultimo ha prestazioni molto simili a quello di Qualcomm).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *