Quanto tempo passiamo attaccati al cellulare mediamente? – StileTV

Quanto tempo passiamo al cellulare mediamente? Lo smartphone ormai è un vero e proprio compagno di vita: tutti ne possiedono uno e tutti non potrebbero farne a meno, stando alle statistiche. Parliamo di un dispositivo che inizialmente era nato per effettuare telefonate, mandare qualche messaggino e al massimo controllare la posta elettronica. Nel giro di pochi anni però lo smartphone si è trasformato in uno strumento multitasking, ricco di funzionalità che si possono via via implementare grazie alle varie applicazioni. Senza nemmeno accorgercene, ci siamo ritrovati con una vera e propria dipendenza da questo dispositivo al punto che ormai lo smartphone è diventato insostituibile. Ma quanto tempo passiamo davanti al monitor del telefono? I dati sono abbastanza allarmanti e ci forniscono una fotografia piuttosto critica, specialmente se pensiamo alle nuove generazioni. 

Quanto tempo passiamo davanti allo smartphone – Il tempo che passiamo davanti allo smartphone è davvero troppo, se consideriamo che le ore trascorse al telefono sono rubate alla vita reale in favore di quella virtuale. Secondo le statistiche più recenti, è la generazione dei Millennials quella che spreca la maggior parte del tempo libero a disposizione davanti allo smartphone. I nati tra il 1981 ed il 1996 passano quasi 4 ore al giorno al telefono e non sono da meno i più giovani, quelli della Generazione Z, che trascorrono più o meno lo stesso tempo allo smartphone. Le stime si abbassano andando più in su con l’età: la Generazione X infatti passa in media 3 ore al giorno al telefono, mentre i Boomers poco più di 2 ore.

Cosa facciamo davanti allo smartphone – È interessante andare a vedere anche quello che viene fatto con lo smartphone, perché a seconda della generazione cambiano le abitudini e le applicazioni utilizzate. Se infatti i ragazzi appartenenti alla Generazione Z (ossia i più giovani) passano la maggior parte del loro tempo all’interno dei social network, lo stesso non si può dire dei Millennials che sono invece più vari. Entrano quotidianamente in Facebook, Instagram e via dicendo ma non si fermano a lungo come la generazione precedente. Trascorrono tuttavia diverso tempo all’interno di applicazioni per ascoltare musica come Spotify e Youtube, ma si dilettano anche nei giochi più disparati: dalle slot gratis gallina ai classici passatempi. I Millennials amano anche fare shopping online con il proprio smartphone, abitudine che condividono con i ragazzi della Generazione Z. Se andiamo a vedere in che modo trascorrono il loro tempo al telefono la Generazione X ed i Boomers, ci rendiamo conto che la tendenza è completamente diversa. In alcuni casi rimangono i social network come passatempo preferito anche da queste vecchie generazioni, che però fanno un utilizzo più mirato dello smartphone. Le stesse applicazioni scaricate sono poche e ruotano tutte intorno alla necessità di comunicare: non a caso la maggior parte del tempo passato al telefono da queste generazioni si concentra all’interno delle app di messaggistica istantanea come Telegram o WhatsApp. 

Dipendenza da smarthone: un pericolo in agguato – Il tempo che trascorriamo davanti allo smartphone è sempre troppo e su questo non ci sono ormai grandi dubbi. Il vero pericolo però un altro: quello di sviluppare una vera e propria dipendenza, perdendo il contatto con la realtà. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *