Xiaomi voleva rimuovere il caricabatterie dalla confezione 5 anni prima di Mi 11 – TuttoAndroid.net

Xiaomi Mi 11 è stato presentato ufficialmente lo scorso 28 dicembre e se da una parte sapete sicuramente che nella confezione di vendita manca il caricabatterie, dall’altra difficilmente potreste ricordare che il produttore cinese stava pensando a questa mossa addirittura 5 anni fa.

La scelta di rimuovere i caricabatterie dalle box di vendita degli smartphone era stata confermata ufficialmente un paio di giorni prima dell’annuncio, ma fa tuttora discutere gli appassionati, con una netta spaccatura tra chi non ritiene accettabile acquistare un device premium senza poterne sfruttare al massimo la ricarica rapida con la dotazione inclusa e chi invece non la reputa una mancanza troppo grave.


Ad infastidire i fan, comunque, è stata soprattutto la contraddizione di Xiaomi, che era stata la prima a prendere in giro Apple per aver rimosso il caricabatterie dalla confezione degli iPhone 12, ma è anche stata la prima (ma non l’ultima) a seguirne l’esempio.

A differenza di Apple, Xiaomi ha avuto il buon gusto di offrire agli acquirenti la scelta tra confezione green e classica (con caricabatterie) allo stesso prezzo, tuttavia la prima vendita del 1 gennaio ha messo chiaramente in evidenza la posizione degli utenti: appena 20.000 acquirenti hanno scelto la Green Edition, tutti gli altri non hanno rinunciato al caricabatterie GaN da 55 W.

In un recente intervento in diretta, il CEO di Xiaomi Lei Jun ha voluto rispedire al mittente le accuse di aver copiato Apple, rivendicando piuttosto la paternità della scelta di rimuovere il caricabatterie dalla box di Mi 11.

Il dirigente ha ricordato di aver prospettato una soluzione di questo tipo addirittura nel 2015, ben 5 anni prima della nascita di Xiaomi Mi 11 e degli stessi iPhone 12 di Apple. Sebbene questo sia assolutamente vero – ve ne avevamo anche parlato illo tempore –, va anche detto che l’idea è rimasta in un cassetto per anni e le tempistiche con cui è stata poi attuata sono troppo evidenti perché Lei Jun possa negare l’influenza di Apple sulla decisione di Xiaomi.

E voi che cosa pensate di tutta questa questione? Fatecelo sapere nei commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *