Xiaomi Mi 10 Lite 5G: cosa è cambiato e come va a 5 mesi dal lancio – TuttoAndroid.net

La rosa dei dispositivi disponibili al di sotto dei 400 euro è sempre più ampia, tanto che la stragrande maggioranza degli utenti decide di risparmiare qualcosina pur non sacrificando l’esperienza utente. Xiaomi Mi 10 Lite 5G è uno di questi, un dispositivo che vi avevamo consigliato solo qualche mese fa e che oggi si è fatto ancora più succulento. Abbiamo assistito ad un abbassamento di prezzo eccezionale, che lo porta oggi al di sotto della soglia dei 300e.

Ovviamente il prezzo non è l’unico cambiamento avvenuto in questi mesi, il dispositivo ha anche ricevuto il tanto atteso aggiornamento alla MIUI 12 che colma tutti i vuoti e le lacune uscite in fase di recensione. Come va quindi Xiaomi Mi 10 Lite 5G a 5 mesi dalla sua uscita? Scopriamolo in questa nostra riprova.


Riprova video di Xiaomi Mi 10 Lite 5G

[embedded content]

Design & Ergonomia

Xiaomi Mi 10 Lite è un dispositivo abbastanza classico. Linee stondate e un prorompente blocco fotocamere lo rendono assolutamente in linea con le soluzioni proposte sul mercato in questa fine 2020. Come quasi tutti i dispositivi che stiamo provando recentemente, anche in questo caso le dimensioni sono generose. Nonostante i mesi trascorsi il produttore non ha cambiato nulla nel processo produttivo, tanto che il difetto relativo al trattamento oleofobico nella parte postare è sempre presente.

Rispetto al più recente Mi 10T Lite su Mi 10 Lite 5G troviamo un notch a goccia nella parte frontale, che ospita il sensore da 16 megapixel, interrompendo di fatto la cornice del display nella parte superiore. A livello dimensionale non si scherza, 163,7 x 74,8 x 7,9 mm con un peso ben distribuito di 192 grammi.

riprova-xiaomi-mi-10-lite-1

Frontalmente il display è di tipo AMOLED, altro vantaggio sul suo successore Mi 10T Lite. Xiaomi lo definisce TrueColor e presenta una generosa diagonale da 6.57″ e risoluzione FullHD+. Il rapporto di forma è invece di 20:9 e la luminosità raggiunge il picco di 600 nits. Certamente non un risultato strabiliante ma più che soddisfacente anche nell’uso all’aperto. L’uso di un display di questo tipo ha permesso al produttore di posizionare il lettore d’impronte al di sotto, rendendo molto comodo e veloce lo sblocco.

riprova-xiaomi-mi-10-lite-2


Il comparto multimediale per il resto è leggermente carente, come già evidenziato anche in fase di recensione. Non abbiamo infatti un doppio altoparlante, mentre permane fortunatamente la presenza del jack audio da 3.5 millimetri. Il volume è comunque abbastanza alto ma non ha particolare divisione tra i toni alti e quelli bassi.

Funzionalità

Il software è un aspetto importante quando si valuta l’acquisto di un nuovo smartphone. Xiaomi Mi 10 Lite 5G ha Android 10 con interfaccia grafica proprietaria MIUI 12.0.3. Rispetto alla nostra recensione si è quindi aggiornato, risolvendo fortunatamente tutti gli errori di gioventù che lo affliggevano.

riprova-xiaomi-mi-10-lite-3

MIUI 12 l’abbiamo già approfondita in un video dedicato, non entreremo quindi nel dettaglio delle varie funzionalità. L’aspetto che però vogliamo necessariamente puntualizzare riguarda la completa risoluzione dei problemi legati alla gestione della RAM e qualche altra piccola incertezza nell’uso quotidiano.

La lista delle personalizzazioni a disposizione è lunga e spazia dalla completa gestione dell’Always-on display alla modalità dark, passando chiaramente per i Temi. Questa funzionalità è stata una delle più apprezzate nel corso degli anni, perchè permette anche stravolgimenti grafici della nostra interfaccia.

Prestazioni

Con una scheda tecnica così e la nuova maturità acquisita Xiaomi Mi 10 Lite 5G è una vera bomba. Lo Snapdragon 765G in accoppiata alla fenomenale ottimizzazione software permette al dispositivo prestazioni da far invidia a molti competitor. A supporto troviamo 6 GB di memoria RAM e una doppia variante con storage 128 o 256 GB.

riprova-xiaomi-mi-10-lite-4

Oltre alla sua spiccata predisposizione al gaming questo SoC permette a Xioami Mi 10 Lite di godere della piena connettività 5G, SA/NSA. Grazie al chipset X52 avremo un dispositivo che guarda al futuro e che potrebbe essere una valida alternativa per gli anni a venire. Doveroso segnalare la presenza della Radio FM, del’ NFC e anche di un piccolo led di notifica incastonato nella capsula auricolare.


Fotocamera

Il 2020 è l’anno dei grandi numeri e dei comparti fotografici scenografici, quindi Xiaomi Mi 10 Lite 5G non poteva essere da meno. Nella parte posteriore il blocco fotocamere è abbastanza prorompente e ospita ben quattro sensori:

  • 48 MP, f/1.8, 26mm (Grandangolare), 1/2.0″, 0.8µm, PDAF;
  • 8 MP, f/2.2, 15mm, 120˚ (Ultra grandangolare), 1/4.0″, 1.12µm;
  • 2 MP, f/2.4, (macro);
  • 2 MP, f/2.4, (sensore di profondità).

riprova-xiaomi-mi-10-lite-5

Nel notch a goccia sulla parte frontale troviamo invece un sensore da 16 megapixel con apertura f/2.5.

Che il dispositivo non fosse votato alla fotografia lo avevamo già capito in fase di recensione, ma a 5 mesi dal suo debutto qualcosa è cambiato. Non c’è stato forse un netto balzo in avanti ma un miglioramento abbastanza osservabile si. A beneficiare maggiormente dell’aggiornamento alla MIUI 12 sono stati gli scatti in notturna che erano caratterizzati da un fortissimo rumore digitale e da un aspetto abbastanza impastato.

Bene gli scatti in diurna, sono infatti ricchi di dettaglio e hanno una buona gestione delle luci e delle ombre. Una delle situazioni che lo mette in maggior difficoltà però è la luce al crepuscolo. Xiaomi Mi 10 Lite 5G tende infatti a bruciare le alte luci e non mostrare il reale colore del cielo nello scatto.

Batteria & Autonomia

L’autonomia è uno degli aspetti che non troviamo assolutamente mutati in questi 5 mesi. La 4160 mAh infatti garantisce una giornata di utilizzo medio-intenso, arrivando in alcuni casi a sfiorare le 6 ore di display attivo. Nel caso doveste trovarvi a secco non disperate, abbiamo la ricarica rapida da 20W.

In conclusione

Xiaomi Mi 10 Lite 5G è sempre stato un dispositivo da acquistare, ma questi 5 mesi per maturare era necessari per renderlo quasi perfetto. Connettività 5G e ottime prestazioni sono i suoi due cavalli di battaglia e lo incoronano ad oggi Novembre 2020 come il miglior smartphone da acquistare sotto ai 300 euro.

Non è certamente un camera phone o un mostro di autonomia però quello che fa lo fa bene e non ci fa rimpiangere dispositivi più costosi. Come già evidenziato nella nostra recensione completa si sente la mancanza del refresh rate a 90 Hz, che avrebbe reso il dispositivo completo anche lato display.


Attualmente è possibile trovarlo su Amazon a poco più di 290 euro nella sua variante da 128 GB, mentre qualche giorno fa è arrivato addirittura a sfiorare i 270 euro. Insomma a questa cifra è davvero impossibile trovare di meglio, cosa aspettate?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *