Xiaomi e Samsung si prendono gioco di Apple mostrando il caricabatterie. Lo toglieranno anche loro? – Hardware Upgrade

Era successo quando Apple decise per prima di togliere il jack da 3.5mm dai propri iPhone. Una mossa che destò molto scalpore ma che aveva delle ragioni ben precise: ottimizzare al massimo gli spazi sui nuovi iPhone sempre più colmi di hardware ma anche l’avvento delle cuffie wireless divenute poi un must per tutti o quasi. Ora si torna a parlare della decisione da parte di Apple di togliere dalla confezione di vendita il caricabatteria e gli auricolari. Gli utenti troveranno in confezione con i nuovi iPhone 12 ma anche iPhone 11, Xr e SE solo il cavo per la ricarica e lo smartphone. Questo ha subito destano l’ilarità dei rivali come Samsung e Xiaomi che non hanno perso tempo nel deridere e prendere in giro Apple sui social proprio per questa scelta.

Samsung e Xiaomi: la ”trollata” nei confronti di Apple

Si parte da Samsung Latinoamerica arriva la prima ”trollata” nei confronti di Apple con un post pubblicato sul profilo ufficiale in Facebook dell’azienda. In questo caso c’è la foto del caricabatteria di Samsung con una didascalia che non fa altro che rimandare alla scelta di Apple ”Incluso con il tuo Galaxy”. Oltretutto, nella descrizione del post si legge: “il tuo Galaxy fornisce ciò di cui hai bisogno. Dagli aspetti più basilari come il caricabatterie, fino alle migliori fotocamere, performance, memorie e persino pannelli 120Hz“.

E non è da meno Xiaomi che decide di pubblicare sul proprio profilo di Twitter un video in cui fa vedere l’unboxing dello Xiaomi Mi 10T Pro ma soprattutto pette in evidenza la confezione e la presenza del caricabatteria incluso. Non solo perché il post è accompagnato da una frase che non lascia troppo spazio all’immaginazione: ”Non preoccupatevi, non abbiamo lasciato nulla fuori dalla scatola di Mi 10T Pro”.

Insomma sembra che la preoccupazione per i concorrenti sia quella della scelta di Apple di togliere caricabatterie dalla confezione di vendita. La scelta dell’azienda di Cupertino arriva secondo la volontà di pesare meno sull’ambiente e ridurre, per quanto possibile, l’uso di plastica e altri materiali che stanno mettendo in crisi l’ambiente.

La diffusione enorme di questi accessori, così come anche il passaggio praticamente di tutti alle cuffie wireless, non fa che giustificare la scelta dell’azienda di Tim Cook. Tutte ragioni valide che non è detto che vengano seguite dalle altre aziende concorrenti che negli ultimi anni hanno sempre più creato smartphone che ruotassero anche per quella ricarica rapida che necessità di caricatori proprietari e non universali. Chissà però che tra qualche mese, come fatto per il jack da 3.5mm, anche Samsung e Xiaomi non decidano di togliere l’alimentatore dalle confezioni di vendita? Ai posteri l’ardua sentenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *