TCL, al via la produzione di display a 144 Hz: Xiaomi e Redmi tra i primi in lista? – GizChina.it

TCL

Quest’oggi, TCL ha annunciato un’interessante novità per quanto riguarda il settore degli smartphone cinesi. La compagnia asiatica, infatti, conferma il via alla produzione di massa ai display con una frequenza di aggiornamento a 144 Hz, una soluzione già vista a bordo di Red Magic 5G e Nubia Play 5G ma che potrebbe diventare più “comune” nel corso dei prossimi mesi (magari… con Xiaomi e Redmi?).

TCL ha dato il via alla produzione di massa dei display a 144 Hz: quali saranno i primi smartphone a montarli?

Come riportato dalla stessa azienda, la possibilità di sfruttare un refresh rate elevato è ormai diventata una vera e propria esigenza da parte degli utenti. Questa feature permette di beneficiare di una maggiore fluidità del display, un dettaglio ormai richiesto a gran voce quando si parla di smartphone di ultima generazione. Huaxing, divisione di TCL che abbiamo già avuto modo di incontrare di recente parlando del pannello di Xiaomi Mi 10, ha rivelato che la nuova tecnologia con refresh rate a 144 Hz dedicata ai display per smartphone è ormai giunta alla fase di produzione di massa. Ma cosa significa esattamente?

In soldoni, questa nuova soluzione debutterà nel corso della seconda metà del 2020 e TCL ha già confermato la presenza di grandi clienti interessati. Non è stato specificato nessun nome in particolare, ma questa novità fa venire in mente le varie voci in merito ad uno Xiaomi o Redmi in arrivo con un display a 144 Hz.

La compagnia di Lei Jun dovrebbe lanciare ad agosto il presunto Mi 10 Ultra, ma in questo caso dovrebbe trattarsi di un pannello AMOLED a 120 Hz. Ovviamente per il momento non ci sono prove di un collegamento tra i nuovi display e la casa di Lei Jun; tuttavia, visti i precedenti tra i brand è lecito ipotizzare che anche Xiaomi e Redmi possano puntare ad una soluzione a 144 Hz e che i due marchi siano tra i clienti citati da TCL.

💰 Risparmia con GizDeals per le migliori offerte dalla Cina!

⭐️ Se hai fame di notizie, segui GizChina su Google News: clicca sulla stellina per inserirci nei preferiti .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *