In Cina il mercato degli indossabili si contrae e Huawei supera Xiaomi – HDblog

Mentre per il mercato globale degli smartphone si preannuncia un anno nero sotto la cattiva stella della pandemia, abbiamo visto come quello degli indossabili invece abbia retto bene il colpo (ved. il recente report di IDC), registrando addirittura un aumento del 30% delle unità spedite in tutto il mondo nel primo quarto del 2020 rispetto al 2019. Gli ultimi dati forniti da IDC riguardano invece il solo mercato cinese, e sono interessati perché mostrano un andamento in controtendenza: se a livello globale, come detto, il settore degli indossabili ha continuato la sua crescita, trainato in particolare da cuffie wireless e true wireless, in Cina ha invece osservato una contrazione dell’11%.

Un’altra differenza sta nel fatto che sul trono non c’è Apple, e cioè l’azienda leader a livello globale: limitatamente al mercato cinese si posiziona sul gradino più basso del podio, preceduta da Xiaomi in leggero calo (-0,6%) e da una Huawei in forte crescita (+18,8 %), che proprio nel periodo preso in esame ha effettuato il sorpasso andando ad occupare la testa della classifica.

Stringendo il focus sugli smartwatch, Huawei è leader con una notevole crescita del 111,9% e un market share pari al 24,5%, mentre Apple è seconda sopra a Xiaomi e con un margine molto ampio (14,1% di market share contro 2,2%), nonostante il colosso cinese sia ormai in forte ascesa (+189,5%).

Il periodo analizzato è quello che va da gennaio a marzo, e questo potrebbe spiegare tante cose. Si tratta di una finestra temporale in cui l’emergenza sanitaria aveva già avuto modo di incidere pesantemente in Cina, mentre in Occidente ancora no: l’Italia, che ha fatto da apripista per quanto riguarda il lockdown, lo ha esteso all’intero territorio nazionale a partire dal 10 marzo, mentre le altre nazioni non hanno adottato misure analoghe prima di alcune settimane. Perciò non possiamo escludere che i prossimi dati globali possano mostrare quantomeno una frenata nella crescita vertiginosa del mercato, proprio come avvenuto in Cina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *