iOS 13.5, il jailbreak è servito: ecco Unc0ver – HDblog

iOS 13.5 è già stato “bucato”: il collettivo di hacker Unc0ver ha rilasciato il tool di jailbreak nel corso del weekend. Si basa su una vulnerabilità 0-day che funziona con tutte le versioni di iOS dalla 11 in poi. Gli hacker dicono che la vulnerabilità è “sicura” e non ha grosse controindicazioni; più precisamente:

  • Non consuma batteria
  • Non compromette la sicurezza della sandbox di sistema
  • Non preclude l’uso di servizi Apple

Unc0ver non ha rilasciato il codice sorgente del tool né ha illustrato nel dettaglio quale sia la vulnerabilità sfruttata; è facile immaginare il perché – Apple la chiuderebbe con il prossimo aggiornamento e si ritornerebbe al punto di partenza. La “scena” del jailbreak non è più attiva come nei primi anni dell’esistenza di iPhone: da una parte Apple ha reso il processo sempre più complesso, dall’altra la maturità del sistema (e anche qualche misurata apertura nei confronti di sviluppatori terzi) l’hanno reso sempre più di nicchia. A fine 2018 ha addirittura chiuso Cydia, il principale negozio virtuale alternativo all’App Store che si basa proprio sul jailbreak.

iOS 13.5 è stato rilasciato la settimana scorsa. La novità principale è il supporto alle famose API per le “notifiche di prossimità”, che dovrebbero aiutare il tracciamento dei contatti nella fase di recupero dalla pandemia di COVID-19 senza intaccare la privacy degli utenti, sviluppate in collaborazione con Google.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *