La lunga marcia di Xiaomi alla conquista delle nostre case

C’è un gigante cinese di cui Donald Trump, tutto concentrato sulla guerra contro Huawei, sembra non essersi accorto. Un colosso che con piccoli passi sta coprendo grandi distanze e sta entrando a far parte della vita quotidiana non solo in Asia, ma anche in molti Paesi occidentali, grazie alla creazione di un ecosistema tecnologico che copre quasi ogni aspetto: dalla climatizzazione al microtrasporto, dalle comunicazioni alla cucina.

Si chiama Xiaomi e in Italia, dove è presente da due anni, occupa il 16% del mercato degli smartphone con una crescita del 306% l’anno. A differenza di Huawei e Zte non si occupa di infrastrutture per telecomunicazioni e per questo non si è ancora attirata le ire della Casa Bianca, ma la sua pervasività nella nostra vita è in forte crescita e i numeri che l’azienda di Pechino ha registrato nel primo trimestre 2020 (un aumento del 13,6% delle entrate) hanno superato le stime degli analisti, nonostante la domanda per i suoi smartphone sia precipitata a causa della pandemia che ha colpito le catene di approvvigionamento in Cina.

Dalla presentazione dei dati è emerso anche che, mentre le spedizioni di smartphone nella Cina continentale sono tornate ai livelli pre-pandemici da marzo, l’azienda si sta preparando ai trend negativi nei mercati esteri (in India le severe misure di blocco imposte alla fine di marzo hanno influenzato in modo significativo le sue vendite). Di questo e delle ragioni della crescita di Xiaomi abbiamo parlato con Wen Ou, a capo dell’Europa occidentale.

I dati di Canalys confermano che Xiaomi continua a crescere, soprattutto all’estero. Quali sono i vostri punti di forza?

In Xiaomi crediamo che il nostro successo commerciale a lungo termine sia supportato da innovazioni tecnologiche. Mentre il nostro settore e il mondo intero stanno affrontando enormi sfide, abbiamo assoluta fiducia nel navigare in questi tempi straordinari insieme ai nostri partner. Durante questo periodo critico, la forza della nostra efficienza operativa è più evidente che mai. Sappiamo che le crisi sono la migliore cartina di tornasole che separa le aziende di successo dalle altre. Le nostre operazioni efficienti, le forti capacità di esecuzione e la fiducia dei consumatori ci consentono di cercare opportunità durante le crisi e rimanere su una traiettoria di crescita sostenibile. Nonostante l’impatto del Covid-19, abbiamo mantenuto una grande attenzione all’efficienza per far fronte a questo periodo economico non facile. Soprattutto, siamo rimasti fedeli al nostro motto di mettere gli utenti al centro di tutto ciò che facciamo e di realizzare i prodotti per loro.

Quando pensate che gli effetti della pandemia di Coronavirus si faranno sentire sui vostri numeri?

La produzione è stata influenzata, ma il ritmo della ripresa ha superato le aspettative. Tutto questo perché ci sono ancora molti utenti che fanno uso di altri canali, principalmente online, per acquistare i nostri prodotti. La domanda di smartphone è molto resistente, specialmente durante questa pandemia, in cui i telefoni sono uno strumento di comunicazione vitale. Riteniamo che dopo questo, i consumi avranno un rimbalzo.

Le tensioni commerciali tra Stati Uniti e Cina hanno rallentato la crescita dei concorrenti all’estero. Non sembra che Xiaomi ne sia stato colpito. Come avete impostato le vostre strategie di mercato?

Le tensioni commerciali tra Stati Uniti e Cina non ci hanno influenzato. Xiaomi crede davvero nelle catene di approvvigionamento globali per la tecnologia in quanto offrono la possibilità di scegliere da un pool di talenti globale. E in questo l’Europa gioca un ruolo importante. La nostra missione è quella di costruire incessantemente prodotti sorprendenti a prezzi onesti per consentire a tutti nel mondo di godersi una vita migliore grazie a tecnologie innovative. Crediamo fermamente che i prodotti apertamente sorprendenti possano davvero convincere i consumatori e generare un passaparola affidabile. Oltre agli smartphone, l’ecosistema Xiaomi, compresa la nostra vasta gamma di dispositivi per la casa intelligente e prodotti per lo stile di vita, è un aspetto chiave della strategia di marketing, crea fedeltà al marchio e rende Xiaomi parte dei suoi Mi Fans e della vita quotidiana degli utenti. Ci stiamo già muovendo in questa direzione in tutti i paesi. Il nostro obiettivo è portare sempre più prodotti ecosistemici in tutti i mercati europei.

Le vendite di smartphone sono in calo in tutto il mondo, ma secondo il rapporto Canalys, Xiaomi ha consegnato più di due milioni di smartphone in più rispetto allo scorso anno. Perché?

Xiaomi è l’unico grande fornitore a raggiungere una crescita positiva nel primo trimestre 2020. Crediamo fermamente che il nostro successo commerciale a lungo termine sia sostenuto da innovazioni tecnologiche e, a tal fine, prevediamo di investire 50 miliardi di yuan nei prossimi cinque anni nel 5G + Campo AIoT, poiché ci concentriamo sull’innovazione tecnologica e sull’esperienza dell’utente per far crescere il nostro fedele Mi Fan e la nostra base di utenti. Nel complesso, restiamo impegnati a utilizzare la tecnologia per connettere e migliorare la vita ovunque in futuro.

Parliamo del mercato italiano: il rapporto di Canalys conferma Xiaomi al terzo posto per smartphone distribuito nel primo trimestre del 2020. Perché l’Italia è un mercato così favorevole?

In Italia, Xiaomi è stata in grado di conquistare il terzo gradino del podio della classifica dei migliori venditori in Italia per smartphone distribuiti nel primo trimestre del 2020. Sebbene sia sbarcato ufficialmente in Italia meno di due anni fa, Xiaomi ha guadagnato un mercato quota del 16%, registrando una sensazionale crescita annuale del 306%. È anche e soprattutto la fiducia dimostrata dai nostri Mi Fan, utenti, partner commerciali e tutti coloro che ci ha permesso di raggiungere tale risultato e che ci stimola a puntare ancora più in alto ogni giorno.

Coronavirus e investimenti in Italia: quanto influirà la pandemia sui piani di sviluppo nel nostro Paese?

Continueremo a offrire nuovi fantastici prodotti a tutti e agli appassionati di tecnologia, rafforzeremo ulteriormente le partnership in Italia e ci saranno numerose nuove aperture Mi Store nei prossimi trimestri per aumentare la nostra presenza in tutta Italia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *