Coronavirus: il virus può essere trasmesso attraverso uno smartphone – Tecnoandroid

coronavirus smartphone

A causa del costante utilizzo che facciamo dello smartphone, gli scienziati che stanno studiando soluzioni efficaci per arginare il coronavirus hanno supposto che i telefoni possono essere un veicolo dell’epidemia. Da sempre ricettacolo per germi e batteri, gli schermi raccolgono tutte le nostre scarse norme igieniche, visto che l’Università dell’Arizona ha stimato che i display sono dieci volte più contaminati della tavoletta di un water.

Quindi basterebbe per esteso uno starnuto o un colpo di tosse perché lo smartphone sia veicolo del coronavirus emerso in Cina. Se l’affermazione è plausibile, resta da capire il nodo fondamentale: per quanto tempo un telefono appena contaminato può veicolare il virus?

Coronavirus: il virus può essere trasmesso attraverso uno smartphone

Su questo argomento intervenne giorni fa direttamente l’OMS, ma le risposte fornite furono insufficienti:”non è ancora noto per quanto tempo il virus 2019-nCoV sopravvive sulle superfici, anche se le informazioni preliminari suggeriscono che il virus potrebbe sopravvivere qualche ora o più. I disinfettanti semplici possono uccidere il virus rendendo impossibile infettare le persone”.

Ma mentre l’OMS ha supposto poche ore, uno studio tedesco delle Università di Medicina di Greifswald e di Bochum sostiene che il virus può sopravvivere su plastica, vetro e metallo fino a nove giorni in condizioni ideali e senza igienizzare lo smartphone. Sebbene lo studio non è stato direttamente applicato sul coronavirus, i ricercatori tedeschi ritengono plausibile che i risultati siano coerenti l’epidemia cinese.

Dunque in assenza di dati scientifici certi, al momento dobbiamo arginare i rischi da contagio più con l’applicazione del buonsenso che di metodi approvati. La disinfezione regolare delle superfici dello smartphone dovrebbe diventare d’abitudine per prevenire ogni tipo di trasmissione di virus.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *