Ecco i nuovi compensi per copia privata: Franceschini aumenta gli smartphone. Pagheranno anche gli smartwatch – DDay.it – Digital Day

È trapelata in queste ore la bozza di decreto ministeriale con il quale il Ministro Franceschini rideterminerà i compensi per copia privata. Compensi che il buon senso e il diritto, in tempi in cui nessuno fa più copie private, dovrebbero essere, se non azzerati, per lo meno fortissimamente ridotti. Ma l’industria dei contenuti e gli autori non intendono arretrare sul tesoretto da 130 milioni di euro che SIAE raccoglie prelevandoli dai produttori di device e supporti di memoria per ridistribuirli, almeno in parte, agli aventi diritto. Ed ecco quindi l’idea di nuove tariffe, per quello che riguarda gli smartphone (ciò che più si vende) più alte di quelle precedenti e per altre fattispecie solo leggermente ridotte. Vengono poi introdotti anche gli smartwatch e gli activity tracker, anche se si fatica a capirne il perché. L’obiettivo sembra chiaro: mantenere – contro ogni evidenza sugli utilizzi da parte degli utenti – il prelievo da copia privata costante attorno ai 120-130 milioni. È solo una questione di quattrini che devono volare, come oramai quasi tradizione, dalle tasche degli utenti (anche se nulla copiano) verso quelli degli aventi diritto, passando per la onerosa intermediazione di SIAE.

La bozza di decreto verrà discussa il prossimo 20 febbraio in un’audizione con 38 tra associazioni di categoria e altre realtà chiamate a dire la propria. Ma senza che nessuno nutra davvero una speranza di riuscire a modificare queste tariffe che oramai sembrano scolpite sulla pietra. Da inizio marzo in poi, ogni giorno è buono per il Ministro Franceschini per promulgare il nuovo decreto. E in tanti ricordano ancora il luglio 2014, quando il Ministro, lo stesso di oggi, adeguò le tariffe a quelle attuali, raddoppiando la raccolta, rendendo pubblico il decreto praticamente durante la partita dell’Italia ai Mondiali di calcio. Ovverosia, nel momento di minor attenzione dell’opinione pubblica a qualsiasi altro stimolo diverso dal pallone. Quale momento “topico” sceglierà questa volta?

Ma cos’è la copia privata? E cosa sono ‘sti compensi?

Verrebbe voglia di prendere in prestito alla Settimana Enigmistica la proverbiale locuzione “Forse non tutti sanno che…”. Perché, malgrado il prelievo dalle tasche degli italiani dei compensi SIAE per copia privata prosegua imperterrito da anni, la maggior parte dei cittadini non sanno di cosa si tratti e quanto gli costi. Il conto è presto fatto: gli italiani versano ogni anno circa 120 milioni di euro per ricompensare gli autori, gli editori e gli altri aventi diritto dei danni economici loro derivanti dalle copie per uso privato di opere tutelate che essi fanno sui propri apparecchi. Attenzione: nulla a che vedere con la pirateria, si parla di copie effettuate dagli utenti di opere legittimamente possedute.

Ripetiamo con parole diverse, perché forse qualcuno sarà confuso o sbigottito: su ogni acquisto di hardware come smartphone, computer, tablet, schede di memoria, chiavette USB e così via, si paga, annegato nel prezzo, un compenso che va alla SIAE e da lei in cascata a una vasta serie di “aventi diritto”, per ricompensarli della copia che su questi device e supporti viene fatta (o meglio potrebbe essere fatta) di musica, video e altre opere tutelate. Non importa se si compra una SD card e la si mette nella macchina fotografica per scattare le proprie foto (dato che non esistono neppure più player musicali basati su scheda SD): si paga sulla base della presunzione di utilizzo e in maniera – secondo chi ha congegnato i compensi – che già tiene conto del fatto che non in tutti i casi si vanno a ledere gli interessi degli aventi diritto.

Come si legge sul sito SIAE, infatti:

La Copia Privata è il compenso che si applica sui supporti vergini, apparecchi di registrazione e memorie in cambio della possibilità di effettuare registrazioni di opere protette dal diritto d’autore. In questo modo ognuno può effettuare una copia con grande risparmio rispetto all’acquisto di un altro originale oltre a quello di cui si è già in possesso. Prima dell’introduzione della copia privata, non era possibile registrare copie di opere tutelate. In Italia, come nella maggior parte dell’Unione europea è stata concessa questa possibilità, a fronte di un pagamento forfetario per compensare gli autori e tutta la filiera dell’industria culturale della riduzione dei loro proventi dovuta alle riproduzioni private di opere protette dal diritto d’autore realizzate con idonei dispositivi o apparecchi. L’entità del compenso tiene conto del fatto che sui supporti si possa registrare anche materiale non protetto dal diritto d’autore.

Ecco le nuove tariffe: altri aumenti e nuove categorie soggette

Ebbene, il Comitato Consultivo Permanente sul Diritto d’Autore (che vede tra i membri, al di là di quelli “tecnici”, solo rappresentanti di chi incassa), ha “consigliato” il Ministro, che evidentemente si è lasciato consigliare, di ritoccare all’insù i compensi per copia privata che più contano (quelli sugli smartphone) e a introdurre gli smartwatch. Malgrado, nell’era dello streaming e dello SVOD, la copia privata non la faccia più nessuno. Poco importa: agli “aventi diritto” quei soldi servono a tutti i costi, anche a costo di esporre un Ministro a una figuraccia, blandendolo con studi e considerazioni a tesi. Studi e considerazioni del Comitato Consultivo Permanente che nessuno ha visto, malgrado le ripetute richieste di DDAY.it (che non contano nulla) e la pertinente interrogazione del senatore Gianmarco Corbetta (M5S) a Franceschini, che non ha mai avuto risposta, nemmeno sotto forma di “supercazzola”.

Ed ecco come il Ministero ha congegnato i nuovi compensi che, attraverso il prezzo di acquisto dei beni, i consumatori dovranno sostenere.

Smartphone e Tablet

Il compenso sugli smartphone viene pesantemente aumentato. Infatti si riducono di soli 10 centesimi i tagli sotto i 16 GB (ce ne sono ancora?), resta costante a 4,80 euro il taglio tra 16 e 32 GB, mentre tutti gli altri salgono: la fascia alta passa da 5,20 euro a 6,80 euro. Basta moltiplicare per il numero di smartphone venduti in Italia per farsi un’idea. 

Nella tabella qui sotto i compensi attuali:

SMARTPHONE E TABLET – COMPENSI ATTUALI  

Memoria

Compenso
fino a 8 GB 3,00 €
da > 8 fino a 16 GB 4,00 €
da >16 fino a 32 GB 4,80 €
oltre 32 GB 5,20 €

In questa tabella invece le rideterminazioni che dovrebbero essere introdotte dal nuovo decreto, se la bozza verrà confermata. 

SMARTPHONE E TABLET – NUOVI COMPENSI  

Memoria

Compenso
fino a 8 GB 2,90 €
da > 8 fino a 16 GB 3,90 €
da >16 fino a 32 GB 4,80 €
da >32 fino a 64 GB 5,60 €
da >64 fino a 128 GB 6,30 €
Oltre 128 GB 6,90 €

Bontà sua, il Ministro ha deciso di non assoggettare più i feature phone (i telefonini non smartphone) che fino a ora pagavano 0,50 euro. Ma che, oramai, è anche davvero raro che vengano acquistati, con smartphone entry level stabilmente sotto i 100 euro.

Wearable, Smartwatch, activity tracker

Tra le novità del nuovo decreto Franceschini, compare una nuova categoria di apparecchi assoggettati: si tratta degli smartwatch e simili, compresi anche gli “innocui” activity tracker, a patto che siano dotati di capacità di riprodurre audio o video. Risulta veramente difficile capire quali siano i motivi che portano gli smartwatch e activity tracker, utilizzati per funzioni del tutto diverse dalla riproduzione di contenuti, ad essere assoggettati, ma tant’è. Ecco i compensi che peseranno su questi prodotti (e sulle tasche dei loro acquirenti)

 WEARABLE E SMARTWATCH  

Memoria

Compenso
fino a 4 GB 2,20 €
da > 4 fino a 8 GB 3,20 €
da >8 fino a 16 GB 4,10 €
da >16 fino a 32 GB 4,90 €
Oltre 32 GB 5.60 €

Televisori e decoder con funzione PVR

Viene confermato il compenso forfettario su tutti i TV dotati di funzione PVR pari a 4,00 €; la misura viene però applicata anche ai decoder con la medesima funzione, che prima erano tariffati in maniera decisamente più bassa. Questo comporta ovviamente a una doppia imposizione: si paga per il TV o per il decoder (che senza hard disk non può registrare nulla) e si paga anche per l’hard disk da collegare al TV. I TV e i decoder con hard disk integrato sono invece tariffati secondo la capienza: vedi oltre per i compensi correlati.

TELEVISORI Compenso
TV o decoder con funzione PVR (senza memoria interna) 4,00 €

 

Computer

Per i PC, di ogni ordine e grado, resta confermato fisso, a prescindere dalla potenza e dalla capienza, come anche dal prezzo. Ovviamente c’è un aumento, in questo caso di circa il 33%, e si passa a 6,90 €.

PERSONAL COMPUTER Compenso attuale Nuovo compenso
Compenso fisso a prescindere
da potenza e prezzo
5,20 € 6,90 €

Hard Disk

Già nelle ultime determinazioni, l’applicabilità era stata estesa a tutti gli Hard Disk, anche senza case, ovverosia anche i componenti destinati per esempio a essere integrati in personal computer o NAS. I nuovi compensi porteranno un Hard Disk da 2 TB a un compenso di 18 €, una riduzione di 2 € a fronte di un prezzo al pubblico che nel frattempo (dal 2014 a oggi) si è più che dimezzato.

Qui di seguito la tabella dei compensi attualmenti applicati:

HARD DISK – COMPENSI ATTUALI  
Compenso per GB 0.01 €
Massimo applicabile 20 €

Ecco invece la tabella aggiornata:

HARD DISK – NUOVI COMPENSI  
Fino a 160 GB esente
da > 160 a 500 GB (a GigaByte) 0,01 €
da > 160 a 500 GB (a GigaByte) 0,009 €
> 2 TB (a GigaByte) 0,008 €

Memoria o Hard Disk integrati in VCR, Decoder o TV

Questa voce integra tutti gli apparecchi audio video che integrano un Hard Disk, compresi i decoder (per esempio Sky Q) e i TV: ovviamente nel caso dei TV, questa imposizione esclude quella relativa ai TV con funzione PVR ma senza hard disk (vedi sopra). Le tariffe in questo caso sono state ritoccate leggermente al ribasso, semplicemente perché sono stati aggiornati (quelli vecchi erano totalmente obsoleti). Si registra anche una riduzione dei massimali, che ora scendono a 16,10 euro.

Questi i compensi attualmente in vigore per questa categoria:

MEMORIA O HARD DISK IN VCR, DECODER O TV  
capacità compenso
fino a 40 GB 6,44 €
da >40 GB fino a 80 GB 9,66 €
da >80GB fino a 120 GB 12,88 €
da >120 GB fino a 160 GB 16,10 €
da >160 GB fino a 250 GB 22,54 €
da >250 GB fino a <400 GB 28,98 €
da 400 GB in su 32,20 €

Questi invece i nuovi compensi comparsi nella bozza di decreto: 

MEMORIA O HARD DISK IN VCR, DECODER O TV  
capacità compenso
fino a 500 GB 6,44 €
da >500 GB fino a 1,5 TB 9,66 €
da >1,5 TB fino a 3 TB 12,88 €
>3 TB 16,10 €

Schede di memoria

Le schede di memoria erano e saranno assoggettate, anche con il nuovo decreto, in maniera uniforme, a prescindere dal fatto, per esempio, che alcuni formati oramai siano presenti solo sulle fotocamere. Le tariffe restano pressoché costanti, con il massimale che scende da 5 euro a 4,50 euro. Le categorie vengono riaggiornate per annoverare tagli più credibili, nel 2020.

Qui di seguito la tabella con i compensi attuali:

SCHEDE DI MEMORIA – COMPENSI ATTUALI  
Capienza Compenso per GB
fino a 32 MB 0
>32 MB fino a 1 GB 0,09 €
per ogni GB successivo al primo 0.09 €
Massimo applicabile 5,00€

E qui la tabella con le nuove determinazioni: 

SCHEDE DI MEMORIA – NUOVI COMPENSI  
Capienza Compenso per GB
fino a 1 GB esente
>1 GB fino a 8 GB 0,09 €
>8 GB fino a 32 GB 0.08 €
> 32 GB 0,07 €
Massimo applicabile 4,50 €

 

Chiavette USB

Le chiavette USB restano quasi ai medesimi livelli per GB, salvo una riduzione dei massimali (che passano da 9 a 7,5 euro), che peraltro erano abbastanza “irraggiungibili” se non con chiavette da circa 90 GB.

Tanto per fare un esempio, una chiavetta da 16 GB sarà assoggettata per circa 1 euro e mezzo.

Qui i compensi per copia privata attualmente previsti sulle chiavette USB:

CHIAVETTE USB – COMPENSI ATTUALI  
Capienza Compenso per GB
fino a 256 MB 0
>256 MB fino a 1 GB 0,10 €
per ogni GB successivo al primo 0,10 €
Massimo applicabile 9,00 €

E qui la tabella con le nuove determinazioni: 

CHIAVETTE USB – NUOVI COMPENSI  
Capienza Compenso per GB
fino a 1 GB esente
>1 GB fino a 8 GB 0,10 €
>8 GB fino a 32 GB 0,09 €
> 32 GB 0,08 €
Massimo applicabile 9,00 €

Supporti vergini

Nel caso dei supporti vergini (che praticamente non si usano più) si assiste a tariffe dimezzate e a vere e proprie “sparizioni”. Peraltro è noto che il ricorso alla masterizzazione è oramai pratica totalmente abbandonata a livello consumer con conseguente quasi sparizione degli acquisti di supporti, se non per usi professionali (gli ospedali, per esempio, che sono esentati). I compensi sono così rivisti:

SUPPORTI VERGINI    
Tipo compensi attuali nuovi compensi
Audiocassette 0,23 € per ora di reg. non soggetto
VHS 0,10 € per ora di reg. non soggetto
CD-R/RW Audio e Minidisc 0,22 € per ora di reg. 0,05 € ogni 700 MB
CD-R/RW dati 0,10 € ogni 700 MB 0,05 € ogni 700 MB
D-VHS 0,29 € per ora di reg. non soggetto
DVD-R/+R/RAM/-RW/+RW 0,20 € ogni 4,7 GB 0,10 ogni 4,7 GB
Blu-ray Disc R/RE 0,20 € ogni 25 GB 0,10 ogni 25 GB

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *