Migliori smartphone fino a 400 euro Febbraio 2020

In questa guida all’acquisto sui migliori smartphone top vi mostreremo i 5 telefoni più interessanti tra i 300 e i 400€ commercializzati tra il 2018 e il 2019. I device che trovate qui sotto appartengono alle fasce media e alta del mercato quindi offrono hardware di penultima o ultima generazione, design curati e garantiscono prestazioni elevate in qualsiasi comparto. Di seguito la nostra selezione dei 5 top smartphone tra 300 e 400€.

REALME X2 PRO: RICARICA SUPER VELOCE E MASSIMA FLUIDITA’



Nonostante un design abbastanza anonimo, questo Realme X2 Pro si candida come uno dei più interessanti top di gamma economici. Tra i suoi principali punti di forza dobbiamo assolutamente citare il sistema di ricarica della batteria da 4000 mAh, davvero fulmineo, il bellissimo display AMOLED con refresh rate a 90Hz e le prestazioni elevate in qualsiasi contesto. L’hardware che troviamo al suo interno, infatti, è da vero top di gamma con tre tagli di memoria sia per la RAM che per l’archiviazione dei file (6/8/12 GB di RAM e 64/128/256 GB di storage interno NON espandibile).

E’, ovviamente, un dual SIM e sono presenti il jack audio, un doppio speaker stereo ed una connettività completa. Il comparto fotografico comprende ben 5 sensori d’immagine, uno frontale e 4 al posteriore, che garantiscono una qualità fotografica buona ma inferiore rispetto a tutti i diretti competitor. L’unico vero punto debole di questo smartphone è la personalizzazione software, troppo lontana dagli standard europei, alla quale si potrà porre rimedio installando semplicemente un altro launcher tramite il Play Store di Google.


Il Mi 9T Pro (recensione) è la versione potenziata del già ottimo Mi 9T che, però, appartiene ad una fascia leggermente inferiore. Il Pro è un top di gamma a tutti gli effetti, è mosso da uno Snapdragon 855, dispone di 6GB di RAM e di 128GB di memoria interna non espandibile. Tra i due il design è identico. Troviamo, quindi, una scocca con vetro Gorilla Glass 5 sia davanti che dietro, dimensioni particolarmente ottimizzate e l’iconica fotocamera frontale pop-up. Molto belle alla vista le colorazioni disponibili, la trama simil carbonio della scocca e i dettagli in rosso che riprendono il colore dei LED di attivazione del sensore d’immagine anteriore. Le prestazioni sono eccellenti in qualsiasi circostanza, complice la fluida interfaccia MIUI e l’intero hardware.

Il comparto fotografico comprende anche una tripla cam posteriore (48MP, 13MP grandangolare e 8MP zoom 2x) perfetta per realizzare foto e video di elevata qualità con buona luce. Quando la luminosità cala entra in gioco la modalità notte utilizzabile, però, soltanto con il sensore principale da 48MP. Tra gli altri aspetti interessanti di questo device citiamo il display AMOLED Full Screen (senza alcun notch o foro) con scanner per le impronte digitali nascosto sotto di esso, la presenza del jack audio e di una batteria da 4.000 mAh che vi porterà senza particolari problemi fino a sera. Peccato per l’assenza di una qualsiasi protezione contro acqua e polvere che avrebbe reso questo smartphone ancora più interessante.



I Google Pixel 3A sono due smartphone che hanno come principale scopo quello di rendere accessibile il vero Android Stock anche nella fascia media del mercato. Il più compatto Pixel 3A (recensione) ha un design molto curato e una scocca ben realizzata, piacevole da utilizzare anche con una mano. Nella parte frontale, però, troviamo delle cornici superiore ed inferiore molto pronunciate, un carattere distintivo che va contro corrente rispetto agli attuali trend del mercato. Uno dei suoi principali punti di forza è certamente il comparto fotografico composto da un singolo sensore d’immagine anteriore e posteriore. La qualità degli scatti è davvero eccellente, sia di giorno che con poca luce, grazie alla Modalità Notte e alla stabilizzazione combinata (ottica e digitale). Quest’ultima viene sfruttata anche per la registrazione video, regalando quell’effetto “wow” che ben pochi altri device riescono ad offrire.

Ottimo anche il display AMOLED da 5,6 pollici di diagonale, il comparto audio con doppi speaker stereo e il lettore d’impronte situato nella back cover. Sono da menzionare la presenza di personalizzazioni software esclusive dei Pixel (come la navigazione in realtà aumentata) e le prestazioni generali, sempre al top senza alcun lag o rallentamento. Nel complesso, ci troviamo di fronte ad un dispositivo relativamente economico e completo che farà la felicità di tutti gli amanti della vera esperienza Google. Nella medesima fascia di prezzo trovate anche il fratello Pixel 3A XL, identico in tutto, ma dotato di display più grande e batteria più capiente.

HUAWEI P30: IL MIGLIOR COMPAGNO PER SCATTARE FOTO



Huawei P30 (Recensione) riesce a garantire un rapporto qualità/prezzo migliore rispetto al fratello Pro e merita senza alcun dubbio di essere inserito in questa guida all’acquisto. Tra i principali punti di forza citiamo le dimensioni contenute (non come quelle del Galaxy S10e), il bel display da 6,1 pollici OLED sotto il quale è stato inserito un velocissimo lettore d’impronte, la presenza del jack audio da 3,5 mm e l’autonomia. Quest’ultima è tra le migliori in questa fascia di prezzo e coprirà senza alcun problema una giornata di uso intenso. Ma, come tutti i top di gamma Huawei più recenti, anche questo P30 offre prestazioni imbattibili in qualsiasi condizione e un comparto fotografico davvero eccellente. Gli scatti regalati sia dalla tripla cam posteriore che dal singolo sensore d’immagine frontale saranno sempre perfetti, di giorno e di notte. Migliorata la qualità dei video che, però, rimane ancora un gradino sotto quella della gamma Galaxy S10.

Gli aspetti meno convincenti sono, invece, l’assenza della ricarica wireless, una protezione minima contro l’acqua (solo IP53) e il singolo speaker audio comunque buono. Consigliamo questo smartphone perché, in dimensioni e peso ridotti, riesce ad offrire la miglior esperienza possibile per quanto riguarda performance, autonomia e qualità fotografica. La diretta alternativa è il Mate 20 Pro, un prodotto meno recente, di dimensioni più grandi ma comunque composto da un hardware molto simile e di qualità top.